homechi siamocosa facciamoinformazioniofferta formativacontatti
Chi Siamo

spacer
graphic
 
 
graphicChi Siamo
graphic
   
graphic
 

REGOLAMENTO NIDO D’INFANZIA E SEZIONE PRIMAVERA

PREMESSA

Il Nido d’Infanzia è un luogo di formazione e di educazione mediante l'acquisizione delle conoscenze. E' una comunità di dialogo, ricerca, esperienza sociale volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni.

In essa ognuno, con pari dignità e nella diversità dei ruoli, opera per garantire ai bambini lo sviluppo delle potenzialità di ciascuno ed il recupero delle eventuali situazioni di svantaggio.

In considerazione del ruolo della Scuola si ritiene opportuno precisarne le regole di comportamento, al fine di garantirne il funzionamento ordinato e responsabile, improntato a spirito di collaborazione e rispetto tra le varie componenti.

L'Istituto Paritario “FONDAZIONE ALMERINI - DANTE ALIGHIERI per l'istruzione e l'accoglienza” comprende:

- 2 sezioni di Nido

- 1 sezione Primavera

- 3 sezione di scuola dell'Infanzia e laboratorio in lingua inglese

- 5 classi di scuola Primaria.


ISCRIZIONI

Le iscrizioni si effettuano a partire dal mese di novembre dell'anno precedente l'inizio di frequenza fino alla fine dell'anno scolastico.

L'accettazione delle domande è subordinata alla disponibilità dei posti.

La graduatoria viene formata in base all’ordine delle domande di ammissione e del raggiungimento dell’età idonea per l’inserimento del minore. Si garantisce la precedenza a bambini orfani e famiglie con difficoltà oggettive (handicap, malattie croniche,…).

Le quote di partecipazione alla spesa sono stabilite dal Consiglio di Amministrazione, il quale valuta l’eventuale concessione di riduzioni ed esenzioni sulla base delle effettive difficoltà delle famiglie.

Nelle classi intermedie possono essere inseriti nuovi alunni solo dopo valutazione positiva da parte della Coordinatrice.

Le iscrizioni di alunni con disabilità avvengono con la presentazione, da parte dei genitori, della certificazione rilasciata dall'ASL di competenza, a seguito degli appositi accertamenti collegiali previsti dal D.P.C.M. 23 febbraio 2006 n. 185. In base a tale certificazione la Scuola procede alla nomina di personale docente di sostegno.


ORGANIZZAZIONE DELLA GIORNATA DAL LUNEDI' AL VENERDI'

 

TEMPI

ATTIVITA’

SPAZI

7.45 – 8.30

PRESCUOLA

SALA ACCOGLIENZA

8.30 – 9.30

ENTRATA

SALA ACCOGLIENZA

9.30 – 10.00

MERENDA

CURA DELLA PERSONA

SALA ATTIVITA’

10.00 – 10.30

ATTIVITA’ STRUTTURATA

LABORATORIO SEZIONE TERRAZZO PALESTRA

10.30 – 11.00

GIOCO

SEZIONE SALONE TERRAZZO

11.00 – 11.30

CAMBIO E PREPARAZIONE PER IL PRANZO

BAGNO

11.30 – 11.45

USCITA PRIMA DEL PRANZO

11.30 – 12.30

PRANZO

SALA MENSA

12.30 – 13.00

CAMBIO E PREPARAZIONE PER LA NANNA

BAGNO

13.00 – 13.15

USCITA DOPO IL PRANZO

13.00 – 15.30

SONNO

SPAZIO NANNA

15.30 – 16.50

CAMBIO GIOCO

MERENDA

BAGNO SEZIONE SALONE

16.50

USCITA

SALA ACCOGLIENZA

Al termine della giornata i genitori si recano nella sala accoglienza per ritirare i bambini.

Si raccomanda ai genitori di limitare la fermata dell’auto al solo deposito e ritiro dei bambini e di non sostare in prossimità dell'uscita delle corriere e del parcheggio a pagamento.

 

ACCOGLIENZA

La responsabilità della Scuola inizia con la consegna del bambino alla maestra e termina con il ritiro da parte del genitore.

I genitori possono recarsi dalla Coordinatrice sino alle ore 9.30 per regolare la retta scolastica.

Per colloqui con la Coordinatrice e le maestre è necessario concordare un appuntamento in portineria.

ASSENZE

- Assenza per malattia infettiva: avvisare tempestivamente la scuola.

- Assenze programmate (anche se di pochi giorni): avvisare anticipatamente la maestra.


MENSA SCOLASTICA

Il momento della refezione ha una significativa valenza educativa.

I bambini possono usufruire del servizio mensa, previo acquisto dei buoni-pasto.

La preparazione dei pasti è curata direttamente dalle cuoche della Scuola sulla base del menù approvato dall'ufficio preposto dell'ASL. La Scuola è responsabile della qualità e modalità di distribuzione degli alimenti.

E' possibile consultare il documento contenente l'elenco degli allergeni presso il personale di servizio.

Il personale addetto alla refezione assiste e vigila affinché il pranzo si svolga in modo confortevole e senza spreco di cibo.

Non sono ammessi nei locali mensa i genitori o persone estranee non autorizzate.

I bambini non possono portare cibi e bevande da casa tranne che nei casi autorizzati per comprovate allergie alimentari.

Coloro che non usufruiscono del servizio mensa escono alle ore 11.30, mentre l'uscita dopo il pranzo è alle ore 13.00.

Il menù settimanale è affisso all'atrio della Scuola.

I bambini possono portare spazzolino e dentifricio in apposita custodia personalizzata.


ALLERGIE E INTOLLERANZE

- bambini con allergie o intolleranze accertate: è necessario compilare l’apposito modulo e riconsegnarlo accompagnato da certificato medico;

- bambini già certificati come allergici o intolleranti: non è necessario ripresentare alcun documento;

- bambini certificati come allergici o intolleranti, ma non più tali: è necessario far pervenire la richiesta medica di ripresa della dieta standard;

- bambini con indisposizione (dieta in bianco): fino a tre giorni è sufficiente una comunicazione scritta, se si protrae è necessario il certificato medico.



FARMACI

Come da nota del Ministero dell'Istruzione n.2312 del 25.11.2005 contenente le linee guida concordate con il Ministero della Salute, la necessità di provvedere a somministrare farmaci ad alunni nel corso dell' orario scolastico viene gestita esclusivamente dalla famiglia previo accordo con la Coordinatrice.

Fanno eccezione i farmaci salvavita, per i quali è richiesta la presentazione di certificato medico.


INDISPOSIZIONI ED INFORTUNI

In caso di malessere la Scuola avvisa la famiglia.

In caso di infortunio l'insegnante responsabile assiste il bambino per un primo intervento e provvede a contattare tempestivamente i genitori per le più opportune decisioni.

In presenza di temperatura corporea elevata o di dissenteria il bambino deve essere ritirato da Scuola.



PEDICULOSI

Nel caso in cui il bambino sia affetto da pediculosi i genitori devono avvisare la Scuola ed avviare tempestivamente lo specifico trattamento. Qualora la Scuola rilevi la presenza di pidocchi o lendini avvisa i genitori affinchè provvedano a ritirare il bambino.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA' (PEC)

Ogni Scuola è chiamata ad elaborare un PEC tra Scuola, famiglia e alunno, secondo quanto stabilito dal DPR 235/2007 art. 3, che vede protagonisti l'istituzione scolastica, l'alunno e la famiglia garantendo all'alunno il ruolo di soggetto responsabile, titolare di diritti e doveri, alla famiglia la condivisione del progetto educativo e formativo della Scuola.

Una fattiva collaborazione tra tutte le componenti scolastiche nel rispetto delle regole e dei ruoli reciproci favorisce il raggiungimento degli obiettivi comuni.

Viene richiesto ai genitori, al momento dell'iscrizione, di sottoscrivere il PEC per una piena condivisione dello stesso e un impegno ad appoggiarne gli obiettivi.



DIRIGENTE SCOLASTICO

Ai sensi del Decreto Legislativo N. 165/2001 e succ. modifiche ed integrazioni la direzione dell'Istituto è affidata alla Direttrice, che ne assicura il funzionamento nel rispetto delle funzioni degli Organi collegiali.

Il nido d'Infanzia, la sezione Primavera e la Scuola dell'Infanzia sono affidati alla Coordinatrice.



ORGANI COLLEGIALI DELL'ISTITUTO 

CONSIGLIO DI ISTITUTO: rappresenta le componenti della Scuola ed è formato da:

- la Direttrice;

- il Vice Presidente della Fondazione;

- un rappresentante dei genitori per ogni classe o sezione (uno per il Nido, uno per la Primavera, tre per la scuola dell'Infanzia e cinque per la scuola Primaria) nominati nel corso della prima riunione dei genitori;

- un rappresentante dei docenti per ogni fascia di età.

Il consiglio di Istituto è convocato due volte all'anno (entro i mesi di novembre ed aprile) e di ogni incontro è redatto apposito verbale. Le sedute si svolgono in ore non coincidenti con l'orario delle lezioni.

Il Consiglio di Istituto:

- definisce gli indirizzi generali del progetto educativo;

- adotta il Piano dell'Offerta Formativa elaborato dal Collegio Docenti;

- promuove la partecipazione dell'Istituto ad attività culturali, sportive e ricreative;

Il Consiglio di Istituto viene rinnovato ogni anno scolastico; qualora un componente cessi nel corso dell’anno viene sostituito dal primo dei non eletti nella rispettiva lista.

Il Presidente viene eletto dal Consiglio tra i propri componenti.



CONSIGLI DI INTERSEZIONE



Due volte all'anno si svolgono i consigli di intersezione tra gli insegnanti di classe, i genitori eletti come rappresentanti e la Coordinatrice. Nel corso di queste riunioni si prendono in esame l'andamento della sezione, la programmazione didattica, le attività organizzate dalla Scuola e le iniziative in programma. Il genitore rappresentante, in caso di motivato impedimento, può delegare altro genitore a parteciparvi.

Degli incontri vengono redatti verbali conservati su appositi registri.



ASSEMBLEE DI CLASSE



All'inizio dell'anno – e periodicamente durante l’anno - la Maestra incontra i genitori per la presentazione del programma, la consegna del calendario scolastico, nonchè per fornire loro tutte le spiegazioni ed informazioni relative all'organizzazione delle attività della classe e della Scuola.

Durante tale assemblea i genitori degli alunni eleggono il loro rappresentante.

I genitori e/o i docenti, a fronte di motivate necessità, possono richiedere alla Coordinatrice la convocazione di ulteriori assemblee di classe, da tenersi presso i locali della Scuola, con un preavviso di almeno sette giorni.



RAPPRESENTANTI DI CLASSE



Il rappresentante di classe è il genitore che ha ottenuto il maggior numero di voti.

Il rappresentante di classe:

- si fa portavoce di iniziative, proposte, necessità e/o problemi della propria classe;

- informa i genitori mediante diffusione dei messaggi ricevuti sul gruppo WhatsApp della Scuola.

- convoca l'assemblea della classe qualora i genitori la richiedano ed egli la ritenga opportuna, previa richiesta scritta alla Coordinatrice.

Il rappresentante di classe non deve occuparsi di casi singoli né trattare argomenti di competenza degli altri organi collegiali della Scuola.



(Regolamento approvato dal Dirigente Scolastico e dal Comitato Esecutivo in data 28.07.2017.)

 




 
spacer
graphic